Un esempio ‘neoalessandrino’ di confluenza delle tradizioni: l’originario coro dell’atto III dell’«Hermenegildus» di Emanuele Tesauro