L’ultimo Alvaro e la coscienza della crisi