Il saggio affronta il tema della gestione dei beni urbani nella dialettica tra Costituzione e codice civile, soffermandosi - da un lato - sulle istanze di natura partecipativa ed inclusiva che emergono dalla Carta fondamentale e - dall'altro lato - sulla logica proprietaria idiosincratica che caratterizza l'approccio proprietario seguito nel codice. Un possibile punto di equilibrio può essere individuato nella previsione dell'art. 838 c.c., adeguatamente interpretata nel contesto socioeconomico odierno, che valorizza le autonomie locali nella prospettiva della sussidiarietà.

Beni urbani, interessi rilevanti e strumenti di organizzazione e rappresentanza / Nervi, Andrea. - (2017), pp. 41-64.

Beni urbani, interessi rilevanti e strumenti di organizzazione e rappresentanza

NERVI, Andrea
2017

Abstract

Il saggio affronta il tema della gestione dei beni urbani nella dialettica tra Costituzione e codice civile, soffermandosi - da un lato - sulle istanze di natura partecipativa ed inclusiva che emergono dalla Carta fondamentale e - dall'altro lato - sulla logica proprietaria idiosincratica che caratterizza l'approccio proprietario seguito nel codice. Un possibile punto di equilibrio può essere individuato nella previsione dell'art. 838 c.c., adeguatamente interpretata nel contesto socioeconomico odierno, che valorizza le autonomie locali nella prospettiva della sussidiarietà.
978-8815-27128-0
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11388/178503
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact